Merry Christmas people!

È arrivato il momento di parlare del Natale Americano! Devo dire che non è poi troppo diverso da quello italiano. Nel senso loro pensando molto alle decorazioni cosa che magari noi non facciamo molto, ma le tradizioni sono piuttosto simili. Abbiamo decorato l’esterno della casa con tantissime luci e vi prometto che vi mostrerò tante foto! Inoltre abbiamo anche comprato un vero e proprio albero di natale e lo abbiamo tutto decorato. È stato molto divertente. In questi giorni mi sono divertito davvero tantissimo. Qualche giorno fa sono andato a Washington DC per tornare nel ristorante italiano. Troppo buono, ne avevo bisogno… Comunque ora che sono quattro mesi he sono negli Stati Uniti devo dirvi che il mio inglese ha fatto davvero progressi notevoli. Non scherzo se vi dico che sto avendo una difficoltà enorme nello scrivere questo post e tutto quello che sto scrivendo viene automaticamente tradotto in inglese nella mia mente. È una confusione totale. La mia mente è completamente settata sull’Inglese e sto cercando di evitare il più possibile di parlare in italiano. Comunque oggi che è la vigilia andremo a casa di amici a mangiare cibo messicano. Mi manca tanto il cibo italiano in circostanze come queste ma pazienza. I hope you guys will have a great time. Merry Merry Christmas people ❤

by Stefano Chiaromonte

Avete visto i miei ultimi video? Se ve li siete persi cliccate su questo link! http://www.youtube.com/stefanochiaromonte

Annunci

What’s going on?

Oh mio dio! Ho davvero troppe cose da raccontarvi ma sto avendo notevoli problemi con l’italiano e davvero faccio una fatica incredibile a scrivere. Vi avevo detto che vi avrei parlato della giornata a Washington che avevo passato con la mia amica Ludovica (altra exchange italiana in Georgia, venuta in vacanza in Washington DC), ma non l’ho più fatto. Perciò lo faccio ora. È stata una giornata davvero fantastica. Abbiamo girato per i musei di Washington e devo dire che ho visitato uno dei musei più belli mai visti in tutta la mia vita. Era il museo sull’Olocausto ed è davvero Continua a leggere