La bellezza dell’Homecoming

Avrei dovuto postare questo articolo molto prima ma purtroppo non ho avuto tempo, perciò lo scrivo solo adesso. Vi devo spiegare davvero troppe troppe cose! Innanzi tutto dobbiamo parlare degli Spirit Days. La settimana dell’Homecoming a scuola ci si traveste ogni giorno in un modo diverso: il primo giorno ci siamo vestiti come se saremmo dovuti andare in spiaggia, il secondo giorno abbiamo indossato una toga, il terzo giorno il tema era preppy (come i ragazzi del college si vestono usualmente), il quarto giorno dovevamo scegliere se vestirci da Nerd o da Sportivi (io ho scelto Nerd perché mi sembrava troppo divertente!) e infine l’ultimo giorno il tema era il nero non perché eravamo a lutto ma perché era il giorno dell’Homecoming Game (la partita di football più importante della stagione!) e quindi il nero significava potenza (forse?). L’ultimo spirit day non è stato caratterizzato solamente dal vestirsi di nero ma anche dal pep rally. Il pep rally è un’ora e mezzo di puro divertimento nella palestra dopo la fine delle lezioni in cui i ragazzi e i professori fanno confusione! Vi giuro è stato divertentissimo. Appena entrati devo dirvi che la palestra era piena di ragazzi e c’era una confusione tremenda! La mascotte della nostra scuola ha lottato contro un lottatore dell’antica Grecia (un senior con la toga) perché il tema dell’Homecoming Dance era un qualcosa sull’antica Grecia! La nostra mascotte è un orso bruno e sapete chi c’era sotto quel costume? Il nostro preside! Non potevo crederci. In quel momento stavo immaginando la preside della mia scuola italiana fare un qualcosa del genere… All’improvviso avevo perso tutta la creatività che avevo. Successivamente abbiamo assistito all’esibizione delle cheerleaders, delle ballerine del corpo di ballo, l’esibizione dei professori sulle note della canzone Selfie, l’esibizione dei ragazzi che era un twerk continuo e 4 professori (tra cui i miei professori di anatomia e matematica) fare l’Ice Bucket Challenge. Sarebbe mai possibile una cosa del genere in Italia? Ovviamente no e magari i professori italiani potrebbero vedere questo come mancanza di professionalità. Io invece direi semplicemente: dare stimoli. Dopo questa mattinata di puro divertimento sono tornato a casa per riposare. Alle cinque del pomeriggio sono di nuovo andato via per incontrarmi con la mie amiche e siamo andati a vedere la parata prima del Football Game in cui la marching band sfilava suonando, le sbandieratrici ovviamente sbandieravano e sono passate tantissime altre macchine con a bordo tantissime persone (per a bordo intendo anche sopra o sedute sui finestrini) che rappresentavano la scuola. Le macchine erano super fancy! Successivamente siamo andati nel parcheggio della scuola appositamente allestito con tantissimi stand per comprare cose da mangiare, fare attività e comprare gadget della scuola come magliette. Io ne ho comprata una bellissima! Ve la farò vedere! Per le 7 e mezza finalmente è iniziato il Football Game. Abbiamo giocato contro una squadra molto famosa su cui avevano addirittura girato un film! Comunque abbiamo vinto 56 a 0! La serata è andata benissimo e ci siamo divertiti un sacco! La mattinata successiva (cioè il sabato) era all’insegna del relax. Così è stato! Ho dormito parecchio e mi sono riposato. La sera verso le 6 io ed Elia siamo andati a cena da Rachel prima dell’Homecoming. Dopo aver avuto numerosi problemi a capire come i lacci delle mie scarpe funzionavano e come si mettevano bretelle e papillon, Elia e il suo host-dad mi sono venuti a prendere e siamo andati a casa di Rachel. I suoi genitori sono letteralmente innamorati dell’Italia e suo padre lo parla fluentemente. Per cena ci hanno propinato una deliziosa insalata accompagnata da prosciutti, salami, formaggi, marmellate e creme varie da mettere sui formaggi e cosa più importante… l’acqua frizzante!! È stata una cena fantastica e i suoi genitori erano molto gentili. Per le 8 siamo partiti per dirigerci verso l’Homecoming, il mio primo ballo scolastico. Appena arrivati c’era una fila di gente enorme ma siamo entrati dopo pochi minuti. Era tutto allestito in modo fantastico nella palestra della scuola. Luci, musica, spazio per il dj e angolo bar, dove potevamo trovare una vasta scelta di bibite come acqua e i vari tipo di soda. Niente alcol ovviamente, neanche una goccia. Bisogna considerare che è proprio la scuola a prendersi cura di questi eventi infatti ci sono molti professori presenti all’evento che si occupano della sicurezza. Devo dire che se non consideriamo l’alcol, i balli scolastici sono davvero molto simili a quelli italiani. La location è diversa, ma la musica è la stessa per esempio! Mi sono divertito tantissimo e sicuramente è stata una delle cose più belle che abbia mai fatto fino a questo punto negli States. Qui, in America, sto vivendo un’esperienza fantastica e so di essere fortunatissimo per questo. È, e sarà, un’avventura magnifica, una grande parentesi della mia vita che non dimenticherò mai. Ora sto vivendo a pieno la vita americana e devo dire che mi piace da impazzire!

P.s. Non sono riuscito a rileggere neanche questa volta! E ora non scherzo, faccio un annuncio serio! Chi mi vuole fare da correttore di bozze? Mamma tu non puoi proporti, saresti troppo cattiva…

1545072_716295561794041_4138191017503990616_n 1920347_716295888460675_5541993796842012293_n 10340070_716295855127345_7731762062902357240_n 10623347_10202009925769283_1661543094881528385_o

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...